Contenuto principale

Messaggio di avviso

La legge 13 luglio 2015, n. 107, recante “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”, ha inserito organicamente questa strategia didattica nell'offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione. La legge n. 107/2015 stabilisce un monte ore obbligatorio per attivare le esperienze di alternanza che coinvolgono, a partire dalle classi terze, tutti gli studenti del secondo ciclo di istruzione per almeno 200 ore nei licei e 400 nei tecnici e professionali, da inserire nel Piano triennale dell’offerta formativa.
Sulla base del progetto, messo a punto dalla scuola in collaborazione con i soggetti ospitanti, l’inserimento degli studenti nei contesti operativi può essere organizzato, tutto o in parte, nell'ambito dell’orario annuale dei piani di studio oppure nei periodi di sospensione delle attività didattiche come sviluppo di attività finalizzate al raggiungimento degli obiettivi formativi previsti nel progetto educativo personalizzato.
Il periodo in contesti lavorativi nella struttura prescelta è preceduto da un periodo di preparazione in aula, con l'eventuale partecipazione di esperti esterni e successivamente accompagnato da momenti di raccordo in aula tra i percorsi disciplinari e l’attività formativa esterna; si conclude con la valutazione congiunta dell’attività svolta dallo studente da parte del tutor interno e dal tutor esterno.
La certificazione delle competenze sviluppate attraverso la metodologia dell’alternanza può essere acquisita negli scrutini intermedi e finali degli anni scolastici compresi nel secondo biennio e nell’ultimo anno del corso di studi.
Sulla base della suddetta certificazione, il Consiglio di classe procede:
- alla valutazione degli esiti delle attività di alternanza e della loro ricaduta sugli apprendimenti disciplinari e sul voto di condotta; le proposte di voto dei docenti del Consiglio di classe tengono esplicitamente conto dei suddetti esiti;
- all'attribuzione dei crediti ai sensi del D.M. 20 novembre 2000, n. 429, in coerenza con i risultati di apprendimento in termini di competenze acquisite coerenti con l’indirizzo di studi frequentato.
A conclusione del percorso triennale di alternanza, l’istituzione scolastica attesta le competenze acquisite dallo studente, all'interno del certificato rilasciato ai sensi dell’articolo 11 del D.P.R. 89 del 2010 per i licei.


Per attivare un percorso di Alternanza Scuola Lavoro occorrono i seguenti documenti:

- Patto formativo: deve essere compilato e sottoscritto dallo studente e da un genitore, e consegnato in singola copia al tutor scolastico.

- Convenzione: deve essere compilata e sottoscritta dall'impresa e dal Dirigente Scolastico, in triplice copia: una copia per l'impresa, una copia per la scuola ed una copia per lo studente.

- Progetto formativo: deve essere compilato e sottoscritto dallo studente (e da un genitore se minorenne), dall'impresa e dal Dirigente Scolastico, in triplice copia: una copia per l'impresa, una copia per la scuola ed una copia per lo studente.

- Diario di bordo / Registro presenze: deve essere compilato giornalmente dallo studente, firmato e timbrato a fine percorso dal tutor aziendale, e consegnato al tutor scolastico per la validazione del percorso ed il conteggio delle ore di ASL.

- AllegatoH_AttestatoCertificazioneCompetenze:  deve essere compilata e sottoscritta dall'impresa 

0
0
0
s2sdefault